Yoga Dinamico

Lo Yoga Dinamico è un potente metodo di esecuzione delle asana dello yoga tradizionale, studiato per allineare il corpo e accrescere la forza, l'energia e la flessibiltà.

 

E' una forma creativa di Hatha Yoga che combina i principi dell'Ashtanga e dell'Iyengar, fisicamente molto impegnativo e particolarmente adatto a favorire la meditazione.

 

La peculiarità dello Yoga Dinamico è l'esecuzione di sequenze sempre diverse di posture, legate l'una all'altra mediante movimenti di transizione e sincronizzazione del respiro.

 

In questo modo si crea un flusso continuo di asana che consentono l'allineamento equilibrato di tutte le parti del corpo e il raggiungimento di un elevato grado di concentrazione mentale.

 

Per ogni posizione vanno controllate la postura e l’allineamento: si estende così la colonna vertebrale, si aumenta la mobilità articolare e si ritrova un nuovo benessere fisico e mentale.

 

Con lo Yoga Dinamico, si tonificano gli organi interni, si rafforzano legamenti e tendini, si correggono disallineamenti della spina dorsale, si sviluppano tecniche di respirazione e si purifica il corpo e lo spirito.

Ashtanga Yoga

L’Ashtanga yoga è un sistema indiano di Yoga Dinamico.

 

I principali componenti dell’Ashtanga Yoga sono il Vinyasa, i Tristhana e i Bandha.

 

Il Vinyasa, ovvero un sistema tipico di armonizzazione della respirazione e del movimento.
 lo scopo iniziale legato alla pratica del vinyasa è quello di purificare il corpo fisico dall’interno rendendolo sano e forte, attraverso lo sviluppo di calore.


Con una pratica costante gli effetti non si limitano al solo corpo fisico ma pervadono anche il corpo energetico, dando stabilità e centratura.

 

I Tristhana, ovvero i tre punti di attenzione da mantenere nel corso della pratica: le posture, il respiro, lo sguardo.
 Ognuno di essi è legato ad un preciso aspetto di purificazione del corpo e della mente: le posture - o asana - rafforzano e danno flessibilità al corpo, l’attenzione al respiro consente di controllare il sistema nervoso, lo sguardo - che in ogni postura ha un suo punto focale - aiuta a stabilizzare la mente.

 

Bandha, ovvero ‘chiusure’ tradizionalmente considerate fondamentali per preservare l’energia.
 Con la loro pratica, nel tempo, aumenteremo il nostro livello di energia quotidiano, acquisendo maggiore forza e salute.

Kundalini Yoga

 

La filosofia del Kundalini yoga si è tramandata per via orale attraverso i secoli, i suoi promotori dicono che la sua fondazione risale a oltre 20.000 anni fa.

 

Le lezione del Kundalini yoga sono tutte molto diverse tra loro, si passa da quelle molto fisiche e dinamiche in cui vengono sviluppate asana (posizioni) anche complesse, a classi in cui la pratica è quasi tutta meditativa – con o senza l’ausilio di tecniche di respirazione (pranayama).

 

I benefici del Kundalini yoga: si riscontrano soprattutto ad un livello psico-fisico.

In particolare i benefici che si ottengono con il Kundalini yoga sono:

  • livello fisico: miglioramento del funzionamento del sistema cardiovascolare; rinvigorimento dei sistema nervoso, digestivo, linfatico; bilanciamento del sistema ghiandolare.
  • a livello psichico: più equilibrio nelle emozioni, con conseguente maggiore lucidità nel prendere decisioni; aumento del sesto senso; dimiuzione dello stress e dell’ansia; risoluzione di conflitti interni anche molto profondi; miglioramento delle relazioni, anche di coppia. 

 

Le classi vengono anche scelte in base ai periodi dell’anno, le stagioni e le fasi lunari, per favorire un’armonizzazione dell’uomo con le energie cosmiche e naturali che lo influenzano. Così, nell’arco dell’anno, ci si trova a lavorare su tutte le parti del corpo, su tutti i chakra e su tutti gli aspetti psico-fisici e sottili del sistema-uomo. Per questo la pratica del Kundalini yoga è consigliata a chi può seguirla con costanza e con regolarità, perché solo nel suo insieme essa può manifestare tutti i suoi benefici.

Dharma Yoga

Lo stile Dharma si ispira agli insegnamenti di Sri Dharma Mittra, uno degli hatha yogi viventi più celebri e carismatici il quale continua a formare numerosissimi insegnanti nella shala newyorkese fondata nel 1975. Si compone di asana appartenenti al lignaggio classico dello yoga con particolare enfasi agli inarcamenti e all’apertura del chakra del cuore. Il praticante si immerge in uno stato di calma vigile, esperendo benefici psico-fisici sin dai primi saluti al sole che si arricchiscono gradualmente di asana sempre più complesse, statiche e dinamiche al tempo stesso accompagnate da esercizi di pranayama e dalla meditazione finale. 
Per ulteriori informazioni visitate il sito www.dharmayogacenter.com

Sivananda Yoga

Classe di Hata Yoga tradizionale basata su alcuni punti fondamentali dello yoga: respiro appropriato (pranayama), esercizio fisico appropriato (asana), rilassamento (savasana). 
Le asana vengono effettuate con consapevolezza e controllo e vanno a lavorare su parti specifiche del corpo portando anche ad un maggiore controllo della mente, il  pranayama  ci aiuta ad apportare la giusta quantità di ossigeno al corpo andando ad energizzare e a calmare la mente aiutandoci ad affrontare i ritmi della vita moderna, attraverso il rilassamento si ottiene salute, vitalità e pace interiore. 
La sequenza ha una struttura fissa a cui l'insegnante può aggiungere delle varianti, la maggior parte delle asana sono intervallate da savasana per permettere al corpo di assorbire i benefici della pratica. 

Odaka Yoga

Odaka Yoga è uno stile dinamico ed innovativo che unisce i principi della biomeccanica corporea alla circolarità e fluidità dei movimenti delle arti marziali.
Lo stile trova ispirazione dall’osservazione e contemplazione dell’oceano: i ritmi naturali dei moti ondosi vengono replicati sull’intera colonna vertebrale; cinque dinamiche che, partendo dal coccige, creano spazio in ogni articolazione, facilitando l’allungamento, il movimento e l’equilibrio. 
Una libera espressione di energia vitale attraverso il corpo, una fusione di elementi che agisce in profondità sul tessuto connettivo e mira a sciogliere tensioni fisiche ed emozionali.
La pratica diviene una danza, una meditazione in movimento, un vero e proprio fluire senza interruzioni che alterna posture eseguite lentamente a sequenze piùritmiche, al fine di accrescere presenza nell’azione unita al piacere della distensione e del rilassamento.